Back

[Phringe] ArXiv teorico Rossi e Cook e archetipo della balla detta in modo scientifico

Un reticolo FCC. Va bene per i cristalli, ma il nucleo non è proprio un cristalllo...
Un reticolo FCC. Va benone per i cristalli, ma il nucleo non è che sia proprio un cristalllo...

(english resume on WILT)

Ci sono diversi aspetti del paper di Norman Cook e Andrea Rossi che indicano amatorialità, dall’impaginazione ai numerosi errori di battitura (si spera siano tali), dai concetti storici ai riferimenti bibliografici, non sono certo l’unico ad averli notati (invito Hornbeck a inserire le sue brillanti considerazioni nei commenti).

Ma è la struttura scientifica stessa dell’articolo ad essere falsata, a prescindere dalla controversa storia dell’E-cat e della fusione fredda e dai pregiudizi che uno nutre sull’autore e le ragioni.

Basta una lettura, senza lasciarsi impressionare delle figure colorate, per rendersi conto che l’articolo di Rossi e Cook è un viaggio in tondo, un’altra di quelle_ “fila de ball int’aluna manera inscì scientifica che alla fina paar sinceer” _che è portata a giustificare se stessa.

Il motivo lo dicono gli autori stessi:

…mathematical identity between the shell and lattice models have frequently been published in the physics literature, the lattice model itself has been dismissed as a “lucky” reproduction of the symmetries of the shell model.

l’identità matematica fra il modello a shell e a reticolo è stata frequentemente pubblicata nella letteratura scientifica, il modello a reticolo stesso è stato ignorato come una “fortunata” riproduzione delle simmetrie dello shell model.

Quindi l’articolo vive sotto ammissione nell’illusione che un modello “matematicamente identico” a un altro possa giungere a conclusioni diverse. Ora sono all’aeroporto di Manchester e non ho tempo ne voglia di condurre una vera ricerca bibliografica, non facile dato che gli autori non si prodigano a supportare la frase di sopra con una apposita e dovuta referenza (anche se 5 minuti di scholar mi riconducono a questo articolo di Agnastatos).

Il “Lattice model” è un tentativo di lungo corso di Cook, assolutamente non motivata dal punto di vista delle considerazioni fisiche di base: si veda Quantality Parameter di Mottelson per una ottima spiegazione da parte del premio Nobel per aver congiunto teorie a particelle indipendenti e moti collettivi, Danza di Nucleoni per una meno ambiziosa mia review.

Inoltre sia lo Shell Model e il Lattice Model, che non sono assolutamente modelli a particelle indipendenti, ma anche teorie di campo medio e funzionali densità, che lo sono, sono teorie efficaci. Quindi l’intuizione che possono fornire all’interno di strutture non osservabili, come configurazioni geometriche e funzioni d’onda, è limitata e discutibile, come ho spiegato citando Duguet (e prometto di tornarci sopra assieme ad Aaron sull’argomento, che è filosoficamente complesso, quindi state in linea).

Quello che conta sono le osservabili, cioè la sezione d’urto del processo, che Rossi e Cook non calcolano, mentre lo Shell Model, matematicamente identico, sì. Ma calcolando col lattice model, ammesso di averne le possibilità computazionali e competenze teoriche, il risultato sarebbe tautologicamente identico, sancendo per questo motivo e ammissione stessa degli autori l’impossibilità del processo.

Comments

Comment by CimPy on 2015-04-10 18:21:10 +0000

Eppure secondo me persino il concetto di tautologia per certi credenti - abituati a bersi di tutto, persino che Rossi sappia di fisica nucleare - rischia di essere troppo difficile. Figuriamoci quello di isomorfismo e quello di equivalenza.
😀

Comment by ocasapiens on 2015-04-10 19:24:11 +0000

A mio avviso, la bibliografia basta a smentire l’esistenza di una

struttura scientifica dell’articolo

e a confermare quella di pesci d’aprile tardivi. Oltre alla valanga di strafalcioni che E.K. Hornbeck ha trovato nella sola pagina 6, un altro dato depone a favore del pesce. I due dilettanti parlano solo delle trasmutazioni di nichel e litio, omettendo un fenomeno ancora più strabiliante:

it has been found that the fuel also contains rather high concentrations of C, Ca, Cl, Fe, Mg, Mn and these are not found in the ash. (fonte: Levi et al. 2014 in nota 1, appendice 4)

Comment by Andrea on 2015-04-11 07:12:48 +0000

Ah beh, ma quelli sono irrecuparibili. 🙂

Comment by Andrea on 2015-04-11 07:19:39 +0000

Guarda, sicuramente la bibliografia basta e avanza a farmi desidere anche dallo sfogliarlo un articolo del genere, normalmente. Per chiunque ci legga la bibliografia è forse l’indicatore più genuino del livello di uno scienziato e studente, quindi cari laureandi non lesinate e copiate dai maestri (non loro).

Ma questa non è una guida completa all’individuazione delle bufale, a quello sei molto più brava tu, solo mi premeva evidenziare un aspetto chiave di ogni bufala: che è la circolarità argomentativa: “funziona perchè funziona” o ancora più spassoso “funziona perchè non funziona”, come in questo caso.

Ero curioso di saperne di più su questo modello a reticolo e come mai non lo conoscevo: a parte la violazione del principio di Fermi e di ogni conoscenza che abbiamo nel nucleo, in effetti è matematicamente interessante come mai un modello a reticolo cubico riesca, con opportuni tagli, a corrispondere allo shell model (come avevo detto), almeno in spirito.

Una volta caduto su quella frase poi era impossibile non scriverci sopra. 😛

Comment by l’idiota omozigota on 2015-04-11 15:43:25 +0000

Il 13 mattina a Padova si presenta anche un pisano doc, diplomato in matematica alla Normale, sicuramente andrà a dire anche lui le stesse cose che dici tu.
Nella stessa mattinata si presenta anche un esperto di medicina legale e tecniche radioisotopiche, e sicuramente andrà a dire che non ci sono radiazioni… sennò perchè lo chiamerebbero?
Infine per chiudere il cerchio e finalmente sancire la truffa colossale in atto si presenta, nella stessa mattina, anche un principe del foro.

ciao e complimenti per il blog di alto livello e soprattutto ben frequentato!

Comment by E.K.Hornbeck on 2015-04-11 20:14:59 +0000

Grazie per l’invito.
Cosi' mi sentiro' meno in colpa quando pensero' a quanto e' noioso questo intervento.

Quello che ho rilevato, nel papero Cook/Rossi, non e' molto significativo ma – e questo mi sembra sconcertante – e' alla portata anche dei non addetti ai lavori.
A una prima lettura (e non ne prevedo una seconda) mi sono saltate all’occhio un paio di sviste.
La piu' evidente e' che Cook e Rossi hanno usato sistematicamente (nelle pagine 3, 4 e 6) “Ni” per indicare l’azoto. Infatti scrivono (legenda della figura 2) di un isotopo con “8 neutrons and 7 protons” (che e' notoriamente l’Azoto-15) e lo riportano come “Ni”, con “15” ad apice a sinistra e “8” in apice a destra.
Questo vuol dire che Cook e Rossi confondono Azoto e Nichel? Assolutamente no! Quasi certamente hanno fatto un errore banale (battuto una “i” di troppo) che hanno moltiplicato a forza di copia/incolla. Ma (ed e' questa la cosa grave, a mio parere) significa che, quasi certamente, non hanno riletto l’articolo prima di metterlo in rete.

Un’altra svista (doppia) riguarda lo spin e la parita' dei nucleoni “addizionali” di Litio-6 e Litio-7 nella Tabella 2 (pag. 6) e nel testo sottostante.
A entrambi i nucleoni del Litio-6 la tabella assegna valore pari a “1/2+"; il testo afferma che “the spins of the last unpaired proton (j=1/2-) and the last unpaired neutron (j=3/2-)”. Che mi sembra alquanto diverso. Visto che, in entrambi i casi, il valore combinato e' pari a “1+”, sarei per dar credito alla tabella.
Nel caso del Litio-7 – dove abbiamo un neutrone “addizionale” in piu' – la tabella afferma che entrambi i neutroni hanno spin/parita' pari a “1/2+” mentre per il protone il valore sarebbe “3/2-”. Peccato che nel testo si afferma che “the spin properties of the two neutrons from the second shell in 7-Li-4 cancel each other out”. Tenendo conto che, in entrambi i casi, il valore risultante sarebbe “3/2-”, in questo caso propendo per credere al testo e a ipotizzare un errore nella tabella.

Ma, anche in questo caso, l’errore e' minimo.
E idealmente accettabile, tenendo conto che l’articolo e' pubblicato su ArXiv la cui funzione e' (anche) quella di mettere a disposizione dei preprint per permettere ai lettori di segnalare errori e dare suggerimenti.
Pero', anche in questo caso, sarebbe bastato un minimo (davvero un minimo) di attenzione in piu' per evitare quella che – almeno a me – sembra una figuraccia.

Del resto, Rossi non e' nuovo a errori di questo tipo.
Ricordo il papero Forcardi/Rossi, dove la prova delle reazioni nucleari sarebbe il rapporto isotopico del rame nelle “ceneri” ma con una spiegazione proposta che imporrebbe un rapporto isotopico totalmente diverso e incompatibile con quello rilevato.
O ricordo anche il rapporto del 9 ottobre 2012, dove per applicare la Legge di Stefan-Boltzmann prese la (presunta) temperatura in gradi celsius dell’ECat, la temperatura in gradi celsius della stanza, fece la differenza delle due temperature, aggiunse 273 alla differenza e, solo a questo punto, si decise ad elevare alla quarta potenza il valore ottenuto.
Se io facessi, pubblicamente, errori del genere… credo che mi darei all’eremitaggio per qualche anno. Invece Rossi persevera e – questo e' il vero avvenimento straordinario su cui indagare – continua a ottenere credito da un gruppo (spero esiguo) di sostenitori appassionati.

Ma, tornando al papero Cook/Rossi, una cosa che mi lascia molto piu' perplesso delle sviste rilevate sopra e' una citazione assolutamente sballata (se non prendo una clamorosa cantonata) relativa all’articolo Focardi/Rossi a cui accennavo sopra.
Scrivono infatti, ancora a pagina 6, Cook e Rossi: “We have previously suggested [11] that the bulk of the energy produced by the E-Cat may be a consequence of Lithium reactions.
Peccato che, nell’articolo del 2010, il Litio quasi non e' citato e si afferma esplicitamente ("Nevertheless we have an experimental evidence of a large energy that can only arise from nuclear reactions between Nickel and Hydrogen, the only two elements existing in our apparatus") che l’energia deriva dalle reazioni Nichel/Idrogeno, che sono gli unici elementi presenti e, quindi, che il Litio non e' presente.
Una autocitazione cosi' balorda deriva dall’incapacita' di ricordare cosa si e' affermato nel 2010 o da un maldestro tentativo di sostenere che la teoria attuale e' la medesima sostenuta allora ?
Nel primo caso saremmo di fronte a una straordinaria superficialita', dal momento che sarebbe bastato rileggere l’articolo. Nel secondo caso potremmo parlare di ingenuita' spettacolare, dal momento che dovrebbero ipotizzare che saremmo noi scettici (e proprio tutti) ad aver dimenticato cosa avevano scritto allora.

Altro confronto con l’articolo Focardi/Rossi del 2010 e l’articolo attuale: nel 2010 le ceneri indicavano la *produzione* di rame (con rapporto isotopico non naturale). Ora il rame e' scomparso e il rapporto isotopico non naturale e' nel Litio. Perche' il rame allora c’era e oggi no? E, sopratutto, perche' l’articolo di oggi non fa nessun accenno a questa discrepanza?
Anche qui: superficialita' straordinaria o ingenuita' spettacolare?

Altra osservazione sull’articolo Cook/Rossi: non propone una qualsivoglia spiegazione per la straordinaria presenza del Nichel-62 rilevato nelle ceneri.
Se non capisco male, mi sembra vogliano suggerire l’ipotesi che quel 98,7% rilevato derivi da una concentrazione causale. Peccato che una concentrazione meno straordinaria – pari al 92,1% del Litio-6 venga preso come prova di trasmutazioni nucleari e, sostanzialmente, come base per il nucleo dell’articolo. Nel caso del Litio-6, a quanto posso capire, l’ipotesi della concentrazione casuale non e' neppure presa in considerazione.

Ma il punto che maggiormente mi indigna – riguardo a tutta la vicenda relativa all’ECat – e' che riguarda un’apparecchiatura che non e' descritta nella sua totalita' e che, quindi, non puo' essere riprodotta da ricercatori indipendenti.
Niente di male finquando rimane nell’ambito dello sviluppo industriale e finquando si afferma che sara' il mercato a deciderne la sua validita'.
Ma trovo che questo diventi intollerabile quando si pretende di fare scienza. E pazienza quando questo e' l’imprenditore Rossi a farlo. Trovo che sia inaccettabile che ricercatori e accademici come Focardi, Levi, Cook, ecc., mettano la loro firma in articoli che avrebbero la pretesa di essere scientifici ma che, in assenza di riproducibilita' indipendente, sono solamente degli spot pubblicitari a favore dell’imprenditore Rossi.

Comment by Andrea on 2015-04-12 20:31:23 +0000

Ciao Omozigota, benvenuto e continua a contribuire all’ottima frequentazione del blog! Il 13 a Padova ci sarebbe un evento parallelo o parli dell’ICCF?! Cosa presenta questo pisano?

Nel frattempo il 13 a Saariselka inizia anche il Nordic Meeting on Nuclear Physics, dal 69esimo parallelo di “caldissima primavera” a -5 gradi si parla di nucleare in modo un po' più organico…

I Talk iniziano poi il 14 con un sacco di sperimentale spinta (casi fisici per FRIB, il cuore sincrotronico di FAIR, l’upgrade del GSI) e teorica ancor più spinta (Chiral 3 body interactions) e via via declinandosi su r-process, shape coexistance e affini…

Comment by Andrea on 2015-04-12 20:39:45 +0000

Grazie mille E.K.Hornbeck, perchè il duro lavoro di snocciolare i peccati l’hai fatto tu non devo farlo io neanche per illustrazione.

Concordo sulla questione spot pubblicitario, è inaccettabile lavorare sotto certe condizioni imho. Bisogna essere chiari e diretti nello svolgere una ricerca scientifica, senza lasciare zone d’ombra alcune, non lavorare su blackbox equivoche.
Ma d’altronde io sono uno scienziato di base che vive nella bambagia in tal rispetto, altri scienziati che svolgono sistemi più applicativi si sporcano ben più le mani e forse in ingegneria comportamenti simili sono più tollerabili, non ho esperienza diretta.

Comment by Stefano on 2015-04-13 20:55:38 +0000

Serve davvero fare un trattato di aerodinamica per giungere alla conclusione che gli asini non volano?

Voglio dire, rispondendo in modo “scientifico” a Rossi, si finisce per innalzare la sua scatola nera al livello di scienza, elevandola dal rango “magia” che invece sarebbe più consono.

Comment by E.K.Hornbeck on 2015-04-14 00:02:46 +0000

Bel dubbio.
Mi sembra sia, grosso modo, lo stesso scrupolo che porta i biologi a ignorare i deliri dei creazionisti e a fare il possibile per evitare che questi possano anche solo sostenere che esiste un dialogo con gli evoluzionisti.
Da un lato abbiamo non solo Rossi ma anche Focardi, in passato, e Cook, oggi. Per non parlare degli autori dei rapporti di sedicenti terze parti. Ovvero, non abbiamo (solo) un laureato un filosofia, pregiudicato e sedicente ingegnere; abbiamo anche degli accademici accreditati da varie universita'.
Dall’altro lato abbiamo una produzione scientifica di livello infimo (sia dal punto di vista formale che dal punto di vista sostanziale) e nessuna disponibilita' a verifiche realmente indipendenti.
A intuito, la risposta che mi viene da dare e' questa: finquando Rossi tiene l’asino in cantina e finquando lo fa vedere solo a osservatori selezionati tra i miopi di lungo corso, l’unica cosa da fare e' criticare il metodo adottato e deridere l’inconsistenza formale della produzione scientifica. Ovvero (per fare un paio dei tanti esempi possibili) mostrare che Rossi e Cook confondono Litio con Azoto e che Rossi non capisce che la differenza di temperature in gradi Celsius non ha bisogno dell’aggiunta di 273 per diventare una differenza di temperatura in gradi Kelvin. In altre parole, rifiutarsi di entrare nel merito e mostrare gli errori triviali, nella sua documentazione, in maniera tale che siano evidenti anche ai non addetti ai lavori.
Perche' e' ovvio, per noi, che Rossi non ha un asino volante. Ma dubito che sia altrettanto ovvio per chi (e penso a politici e imprenditori) non ha una decente preparazione scientifica o, almeno, non ha seguito la vicenda Rossi/Ecat con la l’opportuna attenzione.

Comment by E.K.Hornbeck on 2015-04-14 00:17:27 +0000

E' stato un piacere.
Comunque… neppure io ho nulla in contrario agli ingegneri (e, perche' no? anche fisici, matematici, agronomi, sociologi, chimici, biologi, psicologi, geologi, ecc.) quando producono rapporti per qualche committente. E non mi scandalizza se questi (i rapporti) rimangono riservati.
Il problema e' quando questa documentazione non aspira a essere un rapporto tecnico ma, mantenendo riservati elementi essenziali, viene resa pubblica e presentata come produzione scientifica. Tantopiu' se pretende di rivoluzionare un’intera branca della fisica.
Non sono un esperto di etica scientifica ma, per quel poco che posso capire, non mi sembra accettabile.

Comment by E.K.Hornbeck on 2015-04-14 00:19:17 +0000

Errata corrige: confonde Nichel con Azoto, non Litio con Azoto.
Scusate.

Comment by Andrea on 2015-04-14 11:26:02 +0000

Da un lato non è un trattato di aerodinamica, non uso nient’altro che proposizioni dette nello stesso paper.
Io ho l’orecchio allenato per queste cose per deformazione professionale, ma potenzialmente anche un ignorante completo dell’argomento poteva arrivare alla stessa obiezione. Non è di certo una sofisticata considerazione fisica il fatto che ad identica rappresentazione matematica corrisponda la stessa soluzione quantitativa.

Dall’altro se uno mette il paper su arXiv, esponendo il paper a una platea scientifica, è giusto riceva obiezioni scientifiche.

Dall’altro ancora mi è sembrato carino perchè evidenzia una fallacia generale.

Comment by Stefano on 2015-04-14 20:52:11 +0000

Certo, ma non serve citare il modello a reticolo. Basterebbe un argomento ancora più semplice per smontare l’articolo:

Rossi nel 2011: Ho scoperto una macchina che rivoluzionerà il mondo.
Tizio nel 2011: Davvero!?! Figo! E su cosa si basa?
Rossi nel 2011: Non posso dirtelo, non lo so bene nemmeno io, ma voglio ottenere un brevetto per vendere la macchina, finché non lo avrò sarà un segreto.
Tizio nel 2011: ah, peccato, ero curioso, va bhè, in bocca al lupo e tante buone cose.

Rossi nel 2015: Ehi, sentite, non ho ancora il brevetto e tutto è ancora un segreto, ma ho appena pubblicato un articolo assieme ad un mio amico che spiega il “meccanismo nucleare sottostante la produzione di calore” della mia macchina.
Tizio nel 2015: Cioè, fammi capire, mi state spiegando come funziona la macchina anche se tu non hai ancora il brevetto e il tuo amico nemmeno può vederla per sapere come è fatta? WTF?

PS 1: non tutto quello che finisce su ArXiv ha a che fare con la scienza, http://arxiv.org/abs/physics/0312012 .
PS 2: Per gli intenditori e per i palati più raffinati, la citazione di prima non è casuale. Per paradosso, nell’articolo Josephson cita l’effetto Mössbauer come evidenza della realtà della percezione extrasensoriale. I nostri due eroi, citano l’effetto Mössbauer come evidenza della fusione fredda. Ho paura di chiedere a google, ma non mi sorprenderei affatto se qualcuno citasse l’effetto Mössbauer come evidenza della natura extraterrestre dei cerchi del grano.

Comment by Stefano on 2015-04-14 21:42:52 +0000

Basterebbe notare che se Tizio avesse una gallina dalle uova d’oro, non avrebbe nessun bisogno di venderla per far soldi o di convincere gli scienziati per diventare famoso che è proprio per colpa di quella anomalia genetica che il pennuto depone oro. Gli basterebbe raccogliere le uova d’oro tutto il giorno e la sera venderle al gioielliere. Diventerebbe ricco (e famoso) senza bisogno di dover convincere nessuno. Se Tizio dopo anni ancora non è diventato ricco, insomma, si può davvero credere che abbia in casa una gallina dalle uova d’oro?

Alla vecchia intervista alla RAI del 2011 si andavano sbandierando costi finali della corrente elettrica prodotta così bassi da pensare di poter diventare ricchi solo rivendendola, quella corrente elettrica, senza bisogno di convincere gli scienziati o qualcuno a comprare l’ecat. Il fatto che Rossi sia ancora a fare “test” dovrebbe facilitare a chiunque le conclusioni sulla faccenda.

Scrivo questo perché davvero non riesco a spiegarmi come molti, troppi, senza alcun ritorno di “fama”, siano disposti a dare credito a fatti di questo genere. Non è una questione di scarsa dimestichezza scientifica della gente comune. Nello sport bufale simili non mi sembra che abbiano questa durata, anzi si pretende a gran voce l’uso della massima tecnologia e di supersensori per controllare perfino se la palla ha superato la linea di porta. Sensori per vedere se una una sfera che rotola oltrepassa una linea bianca, capisci? Eppure in ambito scientifico, si diventa il salvatore della patria presentando una banale scatola nera chiusa. Controlli antidoping, sensori, arbitri indipendenti? Macché, scherzi, mica è lo sport, è la scienza, e quindi diamo il benvenuto al mago di turno. Non lo so, credo che questo sia dovuto anche alla percezione della scienza come elitaria e incomprensibile, quando in molte situazioni non c’è nulla da comprendere, ma solo da usare il vecchio “buon senso”. Per questo bisognerebbe essere più diretti. Scusa per il lungo commento.

Comment by Andrea on 2015-04-17 09:34:06 +0000

Sì ma il modello a reticolo è più vecchio dell’e-cat, e non di Rossi.

E appunto guardando quell’articolo che hai citato da un’altra prospettiva, Josephson è premio Nobel. Screditare a prescindere Rossi in questo articolo per il suo comportamento passato con Polterdragon (o come si chiama) o anche con E-Cat è esattamente come accreditare Josephson per i suoi successi giovanili.

Un paper si valuta in se. Se sembra serio, bisogna dargli una chance. Questo paper non sembra particolarmente serio per errori marchiani e gestione bibliografia, ma ho notato questa inconsistenza dialettica e l’ho fatta notare come esempio di argomento circolare, dire nulla fingendo di dire molto.

Comment by Stefano on 2015-04-17 14:41:17 +0000

“se sembra serio”: detto niente.

Non si tratta di screditare a prescindere Rossi per il suo passato, ma di guardare appunto solo alla serietà delle affermazioni. Quell’articolo, come anche gli altri, sono firmati da uno che dice di non conoscere l’apparato sperimentale, e da un altro che dice che non vuole divulgarne i dettagli perché vuole sfruttare commercialmente la sua scoperta.

Niente di male, per carità, ma vorrei sapere chi potrebbe prendere “con serietà” una review su di un nuovo pc Apple scritta da due che nemmeno hanno accesso completo al computer. Uno, che scrive in base alla sua precedente esperienza con i computer HP. L’altro, un hardware developer della Apple stessa che però non può divulgare alcun dettaglio sul nuovo prodotto perché ancora deve essere lanciato sul mercato e quindi non vuole dare alcuna informazione utile alla concorrenza. Ti sembrerebbe una review seria? Tutto qui.

Comment by ic on 2015-04-18 10:21:58 +0000

scusate sono nuovo, pensavo fosse un blog di sostegno alla ricerca in senso lato.. insomma.. c’è qlc al di la di rossi nelle reazioni nucleari che ancora dobbiamo sapere o no?. diamo per unica e scontata la repulsione coulombiana come regolatore delle interazioni? c' è modo di sbocciare senza temperature estreme? almeno ogni tanto dico ,, bassa probabilità ma >0.
ciao e grazie a tutti

Comment by Andrea on 2015-04-18 10:23:42 +0000

Il fatto che un teorico non conosca l’apparato o che l’apparato sia sottoposto a segreto industriale non è novità nella ricerca.

Sono gli annunci roboanti che fanno dell’e-cat una bufala, più che questo articolo.

Comment by Andrea on 2015-04-18 10:29:41 +0000

Ciao ic e benvenuto!

C’è tantissimo sulle reazioni nucleari che dobbiamo ancora sapere.
Solo recentissimamente coi lavori di Gregory Potel, miei e dell’intero gruppo di Milano e Siviglia è stato possibile ad esempio stimare la probabilità assoluta di trasferimento di due particelle a partire da considerazioni teoriche.
E per il trasferimento di una particella la situazione è ancora molto delicata e fondamentalmente uno dei più attivi rami di ricerca in fisica nucleare (ci si riferiva tempo fa al calcolo degli Spectroscopic Factor), dovrebbe uscire in poco tempo un’altra pubblicazione mia e di Gregory e del gruppo di Milano a riguardo.

Tuttavia in quel tantissimo non sembra esserci molto spazio per risonanze che incrementino le possibilità di trasferimento particelle a bassissime temperature.

La probabilità è > 0, ma è piccolissima, e già calcolata ed insufficiente a generare calore misurabile e tantomeno reattori (che implicano una reazione in grado di auto-sostenersi).

Comment by Stefano on 2015-04-22 21:30:12 +0000

Ti potrei dare ragione se non si parlasse di fusione fredda: in questo ambito di brevetti se ne sono visti molti, ma di centrali elettriche o anche solo esperimenti funzionanti molti di meno, anzi nessuno. Non c’è quindi segreto industriale che tenga, quella non è scienza ma solo magia.

Vedo comunque che finalmente siamo arrivati al punto, “Sono gli annunci roboanti che fanno dell’e-cat una bufala, più che questo articolo”, che è proprio quanto sostenevo fin dal principio.

Per commenti, scrivimi ad andrea (punto) idini (at) gmail (punto) com. Static web, no cookies collected.